Raccolta di commenti inviati a Morasha.it sulla nuova Intifada

11/10/2000

Non è una nuova Intifada

Un piccolo appunto: trovo fondamentalmente sbagliato -nel titolo della pagina- il termine "nuova intifada".

A mio avviso, non e' esatto creare un parallelo con gli eventi dell'intifada, quella iniziata circa dieci anni fa. Credo vi siano delle differenze fondamentali:

1) dieci anni fa l'insurrezione aveva davvero un carattere molto piu' spontaneo.

Oggi gli eventi sono molto piu' guidati e diretti da una direzione centrale.

2) dieci anni fa l'arma principale era la pietra, (il che dava quel tocco romantico da David e Golia che cosi' tanto piace ai media occidentali). Oggi sparano, eccome se sparano.

3) Dieci anni fa era comprensibile (ma non necessariamente giustificabile) che ci fosse un bambino tra chi tirava le pietre.

Oggi spedire i bambini a fianco di chi spara e' puro cinismo, il cinismo di chi sa che se ci rimette la pelle un bambino la cosa fara' piu' scalpore, le immagini avranno piu' passaggi televisi, il "rating" salira'.

4) dieci anni fa i palestinesi non avevano piu' nulla da perdere, esasperati da anni e anni di occupazione e umiliazioni.

Oggi erano a un passo da un accordo (quello che si stava per raggiungere a Camp David) che gli avrebbe dato quanto gli spettava o addirittura piu' di quanto una volta avrebbero potuto realisticamente sognare.

E' forse quest'ultimo punto (4) il piu' importante, forse il piu' doloroso: dieci anni fa l'intifada poteva godere della comprensione delle parti della popolazione ebraica piu' disposte al dialogo e alle rinunce a favore della pace. Oggi anche l'israeliano piu' colomba ha ricevuto una doccia fredda e ha perso fiducia nella controparte palestinese. (E l'israeliano falco si gongola stupidamente nel dirgli "te l'avevo detto").

Infatti la controparte palestinese ha dimostrato di non essere fondamentalmente diversa dagli arabi del '47-'48, quelli che proclamavano che bisognava ributtare tutti gli ebrei a mare e distruggere lo stato di Israele.

Illusi (i palestinesi): Arafat e il Corano non gli hanno insegnato che "chi troppo vuole, nulla stringe".

Jonathan Sierra


© 2000 Morashà. È vietata la riproduzione stampata o elettronica dei testi senza il permesso della redazione