Raccolta di commenti inviati a Morasha.it sulla nuova Intifada

15/12/2000

Ipocrisia, ipocrisia e ancora ipocrisia

Mi è capitato di leggere un interessante rapporto del Direttore del "Comitato per la verità in Medio Oriente", della sede di Boston, Alex Safian.

Purtroppo questo tipo di rapporti vengono per lo piu' letti dagli addetti ai lavori, dovrebbe invece essere data loro maggior diffusione per permettere di comprendere meglio alcune ingiustizie e differenze di comportamento nei confronti di paesi in guerra.

Molto interessante conoscere episodi tragici per i quali non è stato usato lo stesso metro di misura usato per Israele.

Un gruppo di combattimento viene circondato e attaccato da milizie armate e da gruppi urlanti di civili a copertura degli uomini armati. I soldati chiamano in aiuto gli elicotteri che incominciano a sparare missili. In 20 minuti piu' di 100 persone vengono uccise, per lo piu' civili. Un portavoce militare giustifica il gran numero di morti civili spiegando che " tutti quelli che erano nelle vicinanze e che coprivano i miliziani erano dei combattenti perchè tutti avevano in mano un' arma". Sparare su civili pur se ostili e combattenti dovrebbe far piombare sull'istante una condanna dell'ONU e dei moltepliici gruppi per ii diritti civili sulla testa dei responsabili.

E qui ci sbagliamo perchè non vi fu condanna. Nessun tipo di condanna. PERCHè Il gruppo di soldati NON erano soldati israeliani ma erano parte dell'esercito di pace dell'ONU e l'episodio avvenne a Mogadisco, Somalia il 3 settembre 1993. Tutti i morti erano somali e il portavoce dell'ONU che difendeva l'azione di guerra era il Maggiore David Stockwell.

Non solo, Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite , con la Risoluzione 837 definiva ogni attacco NON PROVOCATO contro personale dell'ONU come "calcolata e premeditata serie di violazioni al cessate il fuoco". Dopo questa risoluzione il Consiglio di Sicurezza e gli Stati membri hanno mandato in Somalia ogni tipo di armi da usarsi contro i ribelli somali. Una di queste missioni "di pace" dei Delta Force Commandos fini' male perchè gli elicotteri USA furono colpiti dalle armi dei somali e i soldati americani a terra iniziarono una battaglia che fu definita una "carneficina": piu' di 500 somali uccisi e piu' di mille i feriti, tra cui molte donne e bambini. Nessuna condanna. Nessuna condanna ONU, nessuna condanna di A.I., nessuna condanna fu pronunciata per l'eccessiva forza usata contro i ribelli. Il commento fu:" Sono stati loro (i ribelli) a incominciare il fuoco e sono loro i responsabili per la tragica conclusione della battaglia". Chiaro e conciso.

Il rapporto parla anche del periodo di "tensionè tra Stati Uniti e Panama: Un gruppo di soldati statunitensi , durante un giro di ispezione fatto probabilmente nel momento e nel luogo sbagliato, fu attaccato dalle forze panamensi e tutti i soldati furono uccisi. Gli Stati Uniti invasero Panama, deposero il presidente Noriega e durante l'invasione furono uccisi tremila (3.000) panamensi, la maggior parte civili. Condanna ONU? NO. Nessuna condanna ONU.

Il consiglio di sicurezza dell'ONU, Amnesty International, i gruppi per la difesa dei diritti umani, dormono tranquilli quando avvengono queste tragedie nel resto del mondo. Non si turbano, non si scompongono, aspettano. e cosa aspettano? Israele! è su Israele che sfogano la loro sete di giustizia, è contro Israele che urlano scandalizzati, è condannare Israele che li appaga e giustifica i loro sonni.

Israele respira e si becca una condanna perchè respira troppo, Israele si difende e si becca una condanna perchè si difende troppo.

Israele, dopo il linciaggio dei soldati israeliani, avvisa il nemico che avrebbe bombardato quindi via tutti i civili. Israele bombarda tre palazzi vuoti e riceve la mozione di condanna. Nessuna condanna invece per il barbaro linciaggio perpetrato all'interno di una stazione di polizia da polizotti e civili. Nessuna condanna per i palestinesi che hanno iniziato la guerra. Nessuna condanna per la polizia palestinese che impedisce di portare in salvo un soldato israeliano ferito gravemente.Nessuna condanna, signori, per aver tradito e vanificato gli accordi di Oslo e tutto il processo di pace.

L'ONU non condanna nessuno ma Israele , eh, quello si che si merita una mozione dietro l'altra. E sapete perchè? Perchè ha la sfrontatezza di esistere.

Deborah Fait


© 2000 Morashà. È vietata la riproduzione stampata o elettronica dei testi senza il permesso della redazione


Le principali sezioni del sito Morashà

Cinema ebraico i film di argomento ebraico, di autore ebreo, di vita ebraica o che riguardano l'ebraismo da vicino.

Cucina ebraica le ricette ebraiche degli ebrei sefarditi, askenaziti e italiani, secondo le regole alimentari kasher della religione ebraica e dell'ebraismo come cultura.

Ebraismo abc l’ebraismo in pillole: spiegazioni e regole dell’ebraismo per principianti con norme dello shabbat ebraico, delle feste ebraiche, del mangiare kasher, della preghiera ebraica (tefillà).

Ebrei in italia la storia degli ebrei italiani e del loro ebraismo durante la lunga permanenza nelle diverse regioni italiane.

Israele la situazione socio-politica di Israele attraverso le riflessioni personali degli ebrei italiani residenti in quel paese.

Pagine oro il più completo e aggiornato elenco di indirizzi e di numeri telefonici di tutte le istituzioni ebraiche italiane, dei servizi di ristorazione kasher, dei prodotti kasher, degli ingredienti kasher, del turismo ebraico in Italia e dell'ebraismo italiano.

Sefer Tutti i più recenti libri ebraici pubblicati e gli inserti mensili su argomenti di ebraismo, di religione ebraica, di letteratura israeliana e di lingua ebraica.

Umorismo ebraico le barzellette ebraiche più divertenti sul modo di vivere e di pensare tipicamente ebraici.

Zehut tutto ciò che riguarda l’ebraismo: identità ebraica e pensiero ebraico attraverso i testi dei pensatori ebrei italiani su feste ebraiche, sulla preghiera ebraica, sui motivi del mangiare kasher e in generale sulla religione ebraica.