Genesi 25, 19 - 28, 9

1) Perché la Torà sottolinea che Rivkà era la figlia di Betuèl e la sorella di Lavàn?

2) Quali sono le differenze tra le gravidanza di Tamàr e quella di Rivkà?

3) Perché ’Esàv venne chiamato così?

4) Chi diede il nome a Itzchàk?

5) Perché ’Esàv era debole quando ritornò dai campi?

6) Perché le lenticchie sono il cibo di chi è in lutto?

7) Perché a Itzchàk non fu permesso di andare in Egitto?

8) Perché Rivkà chiese a Ya’akòv di portare proprio due capretti?

9) Che odore rilevò Itzchàk sui vestiti di Ya’akòv?

10) Quando si può liberare ’Esàv dalla supremazia di Ya’akòv?

1) 25, 20. Per lodarla per il fatto che nonostante la sua famiglia fosse malvagia, lei fosse virtuosa.

2) 25, 24. Rivkà diede alla luce a termine due figli, uno virtuoso e uno malvagio. Tamàr invece partorì al settimo mese due bambini virtuosi.

3) 25, 25. Il nome ’Esàv deriva dalla parola ebraica "fatto". Era infatti nato già sviluppato.

4) 25, 26. Dio in persona.

5) 25, 29. Perché aveva ucciso.

6) 25, 30. Sono tondi come una ruota che gira come il lutto che, prima o poi, tocca a tutti.

7) 26, 2. Tramite la ’akedà - la legatura, aveva ottenuto lo status di un korbàn — sacrificio, che è proibito far uscire dalla terra di Canà’an.

8) 27, 9. Uno per Itzchàk e l’altro da offrire come korbàn Pèsach - sacrificio pasquale.

9) 27, 27. L’odore del Gan ’Èden.

10) 27, 40. Quando il popolo ebraico trasgredisce la Torà.