Deut. 3, 23 - 7, 11

1) Che cos’è "halevanòn"?

2) Parte della richiesta di Moshè fu accolta. Quale parte?

3) Che cosa disse Dio a Yehoshùa dopo la battaglia di Ài?

4) In che occasione le nazioni della terra vedono il popolo ebraico come un popolo saggio?

5) Perché l’est è chiamato proprio "mizràch"?

6) "Osserverai i sabati che Io ti ho comandato". Ma quando Dio ci ha comandato di osservare i sabati?

7) Quali sono i due significati di amare Dio "con tutte le tue forze?

8) Da dove viene la parola "totafòt"?

9) Chi è in grado di giurare nel nome di Dio?

10) Perché i malvagi sono ricompensati in questo mondo?

1) 3: 25. È il Bet Hamikdàsh, che "sbianca" (lavàn), cioé espia le colpe degli ebrei.

2) 3: 27. A Moshè fu permesso di vedere la terra di Israele.

3) 3: 28. Che Yehoshùa doveva condurre il popolo in battaglia.

4) 4: 6. Quando studiamo Torà e osserviamo le mitzvòt.

5) 4: 41. È la direzione dalla quale splende il sole. Mizràch vuol dire splendore.

6) 5: 13. A Marà, prima che fosse data la Torà.

7) 6: 5. A) con tutti i tuoi averi. B) Sia se Dio ti tratta con benevolenza, sia se con durezza.

8) 6: 8. "Tot" vuol dire due nella lingua "caspi". "Fot" significa due nella lingua "afriki". Si allude ai quattro brani contenuti nei tefillìn.

9) 6: 13. Chi lo serve e rispetta il suo nome.

10) 7: 10. Perché non lo sono nel mondo a venire.