Appello al Corriere

In conseguenza di un libro, “Pasque di sangue”, paradossalmente scritto da una persona altrimenti degna come Ariel Toaff e presentato dal Corsera il 6 febbraio 2007 (pag. 41) in forme grafiche e con illustrazioni e termini ben lontani dalla missione informativa e culturale di tanto quotidiano, si è svolta, nei giorni scorsi, una analisi vasta e approfondita dalla quale il libro è risultato duramente stroncato sul piano metodologico e documentario.

Il Corriere della Sera stesso, nel suo numero dell’11 febbraio, ha infatti pubblicato un’ennesima, colta quanto aspra, critica del libro, e di questo lo ringraziamo e gli rendiamo merito. Ma non possiamo dimenticare, e lo ricordiamo al Direttore del Corsera e direttamente a Sergio Luzzatto, oltre che, ovviamente, ad Ariel Toaff e ai suoi collaboratori, che le menzogne, anche involontarie, sul popolo ebraico hanno la caratteristica di permanere per sempre e lo colpiscono a distanza di decenni e di secoli.

Non vogliamo certo paragonare l’incriminata pagina 41 con “I Protocolli dei Savi Anziani di Sion”, ma non possiamo non ricordare che è possibile che quanto è scritto in quella pagina colpisca anche ebrei del secolo XXII. È ovvio che per gli ebrei, come per chiunque, non si debbano pretendere censure o privilegi di alcun genere, ma riteniamo che chiedere a quotidiani di tanta importanza “prudenza, saggezza, verifiche, misura, assenza di scandalismo”, costituisca un dovere che abbiamo, ebrei e non ebrei, se non altro per la dignità della cultura.

Giorgio Gomel, Laura Mincer, Annalisa Di Nola, Alessandro Portelli, Anna Bravo, Fiammetta Bises, Maria Pia Simonetti, Alessandro Schwed, Anna Segre, Aldo Zargani, Elena Magoia, Lina Zargani, Roberto Piperno, Clotilde Pontecorvo, Piero Di Nepi, Olek Mincer, Paola Di Cori, Giuseppe Damascelli, Anna Rossi-Doria, Katrin Tenenbaum, Umberto Pavoncello, Stefano Roffi, Ivana Palmieri, Angelo Novelli, Sandra Terracina, Armando Lanternari, Maria Fausta Andriani, Claudia Finzi, Stefano Nacamulli, Carla Cohn, Micaela Procaccia, Simone Liuzzi, Lisa Billig, Ariela Bohm, Daniele Naim, Bruno Orvieto, Bruna e Miriam Nacamulli, Myriam Fadlun, Francesca Manfredini, Michele Bohm, Adachiara Zevi, Alberto Zevi, Lello Dell’Ariccia, Piero Terracina, Marcello Disegni, Marina Piperno, Luigi Faccini, Fabio Girelli Carasi, Elzbieta Cywiak, Furio Biagini, Luigi Marinelli, Oxana Pachlovska, Giovanna Brogi, Paolo Lollo, Alberto Cavaglion, Vittoria Vigo, Silvana Sacerdote, Mila Manasse, Italo Pergola, Vittorio, Giorgio e Arnaldo de Benedetti, Luciano Tas , Lia Levi, Luciana Tucci, Nicola De Blasi, Mirna Cicioni, Roberto Zargani, Lucilla Zanghirati , Amedeo Osti Guerrazzi , Enrico Modigliani, Silvia Modigliani, Daisy Dente, Evelina Meghnagi, Tina Martelloni, Jenny Kichelmacher. Seguono altre sessanta firme.

I
Torna all'indice di La nuova accusa del sangue

© Morashà 2007