Elena Loewenthal

Sacrifici umani, gli ebrei divisi

Il figlio di Toaff, professore a Tel Aviv, pubblica una ricerca storica: gli assassini di bambini cristiani "scoperti" nel Medioevo dall'Inquisizione sarebbero avvenuti davvero. Insorge il padre con tutta la comunità italiana

Il passato ha misure tutte sue e la distanza nel tempo è una variabile arbitraria, capace di mostrare le cose per il verso giusto ma anche di sfalsarle fino al punto in cui non si riconoscono più. L'ultimo libro, ancora soltanto in uscita, di Ariel Toaff – storico israelo-italiano, docente all'Università Bar Ilan (ateneo «ortodosso» di Tel Aviv), intitolato Pasque di sangue.

Ebrei d'Europa e omicidi rituali (il Mulino), sta suscitando un pandemonio nei suoi (ancora virtuali) lettori nonché nell'opinione pubblica ebraica. La tesi di questo studioso, figlio del grande Elio Toaff, è sostanzialmente quella che le deposizioni degli ebrei interrogati nel corso del Medioevo dall'Inquisizione vadano prese, almeno in una certa misura, alla lettera. Studiate dunque queste confessioni, estorte sotto tortura agli ebrei incolpati delle uccisioni rituali, dal 1100 al 1500, nella zona di lingua tedesca compresa fra il Reno, il Danubio e l'Adige, Ariel Toaff sostiene che alcune crocifissioni di bambini cristiani siano avvenute davvero, allo scopo di procurasene il sangue per «condire» il pane.

Una minoranza di ebrei askenaziti fondamentalisti avrebbe dunque compiuto veramente e più volte sacrifici umani. Quel sangue serviva per le azzime, il pane non lievitato che accompagna la festa di Pesach e per il vino della cena rituale che commemora l'Esodo dall'Egitto. E a tutto questo non sarebbero stati estranei alcuni rabbini di quella zona che avrebbero sfidato il dettame biblico di non ingerire il sangue in qualsiasi forma. Questa tesi sconcerta o lascia increduli vari esponenti dell'ebraismo italiano, quali il rabbino Riccardo Di Segni, che ha preso il posto di Elio Toaff alla guida dell'ebraismo italiano ed è, oltre che medico, uno studioso di grande livello. Insieme a lui insorgono tutti i rabbini italiani. La protesta è accomunata da un dolore indignato, ma soprattutto da una sostanziale incredulità. Questo scavo nel passato è infatti stato condotto essenzialmente su deposizioni estorte con la tortura. E, come dice l'ebraismo, un uomo non va colto nell'ora di quel dolore che sfigura invece di sublimare, che ti fa dire, pensare e fare cose che non hanno nulla a che vedere con la realtà.

Ma ieri è arrivata anche la controreplica di Toaff figlio. «Quella dei rabbini è una dichiarazione obbrobriosa: se, prima di giudicare, avessero letto il libro se la sarebbero tranquillamente potuta risparmiare. E mi dispiace che abbiano trascinato anche mio padre. È difficile fare ricerca storica di fronte a preconcetti: nel mio libro, più di 400 pagine, ho voluto verificare se fosse soltanto uno stereotipo del pregiudizio antiebraico quello dell'uso di sangue cristiano per impastare le azzime di Pesach. Le mie ricerche dicono, nel Medioevo, alcune frange di ebrei fondamentalisti non rispettassero il divieto biblico di assumere sangue e che invece lo utilizzassero a scopo terapeutico. Non solo, queste frange facevano parte di quella vasta fascia di popolazione ebraica che aveva subito persecuzioni durissime a causa delle Crociate. Da questo trauma scaturì un desiderio di vendetta che in alcuni casi ha prodotto, in quelle frange, una serie di controreazioni tra le quali anche l'omicidio rituale di bambini cristiani».

ELENA LOEWENTHAL

I
Torna all'indice di La nuova accusa del sangue

© Morashà 2007