Corriere della Sera 10/2/2007: Sergio Luzzatto

il Libro Scomunicato Prima di Essere Letto

Dopo anni di ricerche nelle biblioteche e negli archivi d' Europa, lo storico Ariel Toaff ha scritto un libro, Pasque di sangue (il Mulino), in cui sostiene che l' accusa contro gli ebrei di avere praticato l' omicidio di bambini cristiani a scopo rituale potrebbe non essere stata del tutto falsa. Probabilmente, alcuni episodi del genere si verificarono davvero nel tardo Medioevo. Trattandosi di materia così delicata (l' «accusa del sangue» è stata per secoli un' arma in mano agli antisemiti più virulenti e feroci), le tesi del professor Toaff avrebbero meritato un massimo di attenzione critica. Più che lecito, ovviamente, trovarsi in disaccordo con lui. Ma per riuscire credibile, il disaccordo andrebbe motivato con argomenti storiografici, dopo avere dimostrato il carattere non probante delle fonti impiegate. Invece, due giorni prima che il libro approdasse in libreria - dunque, totalmente alla cieca: senza avere altra idea del suo contenuto che una recensione sul «Corriere» - il fior fiore dei rabbini d' Italia ha dichiarato «aberranti» le tesi di Toaff, mentre larghi settori dell' ebraismo italiano scagliavano contro di lui ogni genere di contumelia. A fronte di questo linciaggio culturale, è auspicabile che qualche voce di solidarietà per Toaff si levi dal mondo degli storici di professione. Non c' è bisogno di essere d' accordo con lui. Basta riconoscere che quello di chi studia il passato è un mestiere libero oltreché serio. E che non sarà un cartello di rabbini (né, in altri contesti, un cartello di vescovi o di imam) a fissare il limite dello storicamente plausibile e dello storicamente aberrante.

Luzzatto Sergio (10 febbraio, 2007) Corriere della Sera

I
Torna all'indice di La nuova accusa del sangue

© Morashà 2007