Torna alla pagina di giugno

Itamar Levy


Tascabili Bompiani


Lit. 13.000

Lettere del sole, lettere della luna

"Dal lontano deserto dove hanno camminato e vissuto uomini e donne della Bibbia, un bambino ci ricorda l'importanza delle parole." Alain Elkann

Un villaggio palestinese costruito su un pendio talmente ripido che chi poggia le scarpe accanto al letto la sera, la mattina le ritrova vicino alla porta; un paese ai piedi del quale si stende ]-inferno", l'accampamento militare israeliano: questo è il teatro delle avventure reali e immaginarie di Djafer'Omar Isma'yil Zaqut, un ragazzo palestinese che l'occupazione ha costretto all'analfabetismo. Lettera dopo lettera, con fatica e amore, Djafer'Omar Isma'yjl impara a decifrare il mondo. Gli ruotano intorno personaggi magici e imponenti: l'onorevole padre, il fratello pagliaccio, la nonna mangiona, il mistico narratore, ma il loro fascino nulla può contro un nemico che conosce solo il linguaggio della violenza. Attraverso ali occhi sognanti del protagonista, l'autore racconta, con il linguaggio fascinoso delle leggende arabe, la crudeltà quotidiana dell’intifada. Ne risulta un quadro inatteso, dove la parola e l'ironia rappresentano l'unica difesa dal sangue della storia.

Itamar Levy è nato a Tel Aviv nel 1956. Dopo la laurea, nel 1978 ha esordito come narratore. Ha vinto il Prime Minister's Prize for Literature, il più importante premio letterario israeliano. Tra le sue numerose opere narrative, lettere dei sole, lettere della luna è la prima a essere pubblicata in Italia.

 

Torna alla pagina di giugno