Torna all'inserto di Settembre

Colette Estin


Edizioni Dehoniane Roma


Lit. 18.000

Feste e racconti ebraici

L'ebraismo, definito da Heschel "una religione del tempo, che mira alla santificazione dei tempo", ha per santuari il sabato e le feste.

Questo tempo sgorga dalla Bibbia, viene vissuto attraverso le feste disseminate nei mesi, ma si rende presente anche nei racconti, sempre di gran rilievo sia nel testo sacro che in tutta la tradizione ebraica.

Si sa che non è facile vivere, nemmeno per un ebreo, preso come tutti dalle difficoltà del quotidiano, perplesso a volte sulla costante presenza dell'Eterno. Così il pio giudeo si interroga nei secoli se potrà celebrare la festa "come si deve,>, "secondo le regole", cioè degnamente. La risposta abituale è positiva, a condizione che conservi puro il suo cuore.

Questa raccolta di Feste e racconti ebraici si propone di presentare da una parte le origini, i temi e i riti delle feste, dall'altra i racconti che da esse traggono ispirazione.

L'Autore ha realizzato queste sintesi con un lavoro di ricerca negli "Archivi israeliani del racconto popolare" e utilizzando anche il racconto orale. Le storie scelte provengono per lo più dal mondo sefardita e askhenazita, sottolineando spesso il conflitto tra vita quotidiana ed eternità, soprattutto in un contesto di dispersione e di persecuzione.

Ne risulta una fonte preziosa per quanti desiderano rifarsi alle origini, alla viva tradizione religiosa e culturale, anche per riscoprire le ricchezze della propria identità.

Torna all'inserto di Settembre