Torna alle novità di Ottobre

Abraham B. Yehoshua


Einaudi


Lit. 30.000

Il potere terribile di una piccola colpa

Quali sono le ragioni del crescente sospetto nutrito dalla critica contemporanea nei confronti di un'analisi delle implicazioni morali dell'opera d'arte? La questione dei rapporti fra etica e letteratura, in particolare, resta marginale, problematica e non piú "alla moda", in un'epoca in cui, paradossalmente, la filosofia tenta con tutte le sue forze di dimostrare la possibilità di fondare logicamente i postulati della morale. Partendo da una ridefinizione del concetto stesso di morale, intaccato e "reso del tutto equivoco" da postmodernismo, pluralismo e relativismo, Yeboshua affronta l'argomento non da un punto di vista specialistico, ma come "amante della scrittura". La sua familiarità con la fucina dell'esperienza creativa gli permette, prendendo in esame nove opere della letteratura classica e contemporanea, di arrivare a dimostrare la potenzialità, implicita nella "questione morale", di illuminare il testo da nuove angolature.

Attraverso gli esempi della storia biblica di Caino e Abele, del dramma di Euripide Alcesti e del racconto di Camus L'ospite, Yeho~ esemplifica come elementi retorici del testo quali la lingua, il ritmo, i dettagli posti in primo piano possano portare il lettore a immedesimarsi con i personaggi, tanto da approvarne comportamenti che probabilmente avrebbe altrimenti rifiutato. L'etemo marito di Dostoevskij, insieme a due racconti dell'israeliano Brenner, sono stati scelti per mettere in luce il ruolo della psicologia nella tendenza all'attenuazione del giudizio sulla condotta morale dei protagonisti. Una rosa per Emily di Faulkner e Nel fiore degli anni di Agnon permettono di esaminare in che misura si possa attribuire una responsabilità morale a comportamenti indotti da un processo di rimozione inconscia. Cattedrale di Raymond Carver, infine, consente di capire come l'evoluzione morale di un personaggio attribuisca una maggiore forza estetica al testo.

Abraham B. Yehoshua è, in Italia, la voce più rappresentativa della letteratura contemporanea israeliana. Le sue opere sono state tutte pubblicate da Einaudi.

Torna alle novità di Ottobre