Il 28 ottobre La Stampa di Torino pubblicava una articolo firmato Barbara Spinelli intitolato "Quel mea culpa che manca nell'ebraismo" che suscitava forti reazioni nel mondo ebraico e no. Non abbiamo mai creduto che fosse utile per gli ebrei in genere "rincorrere" le sollecitazioni del mondo esterno, perché crediamo nelle nostre capacità propositive, tuttavia le reazioni a questo articolo costituiscono sicuramente una spinta al dibattito interno ebraico, sempre vivace. Morashà vi contribuisce pubblicando gli articoli pervenuti in redazione, di cui solo alcuni apparsi sulla stampa "cartacea". Chiunque volesse inviare degli altri, l'indirizzo è sempre quello: redazione@morasha.it. Buona lettura.

Paolo Foà

Lettera al Direttore su articolo Barbara Spinelli

(...)

Mi chiamo Paolo Foà, sono un cittadino italiano (nato a Milano nel 1962, dopo la seconda guerra mondiale, da genitori italiani), credo in Dio e sono di religione ebraica.

Rappresento in Italia il dipartimento politico (Center for Public Policy, CPP) della più grande ed antica associazione ebraica umanitaria del mondo, il B'nai B'rith, nata nel 1856 negli USA, e presente in Italia da più di 50 anni.

Non mi sono reso conto, fino ad oggi, di quante mostrusità io, come italiano ebreo, abbia commesso.

A credere a quanto ha scritto la signora Spinelli c'è da rabbrividire! Mi meraviglio che nelle sue parole sia sfuggito di citare il noto complotto demo pluto giudaico massonico che mira alla conquista del mondo!

Oggi mi sento un italiano un po' più povero rispetto a ieri. Più povero perché dalle righe della signora Spinelli mi devo sentire in colpa solo per il fatto che sono ebreo! Perché alla signora Spinelli, in nome della libertà di opinione, è stato permesso di pubblicare il suo insieme di concetti su un grande giornale, senza tener conto che il suo scritto può invitare terze persone a delinquere.

Cosa dice la signora Spinelli circa l'attentato alla scuola ebraica di fine ottobre a Marsiglia, che la colpa è degli ebrei? Mi chiedo solo se la signora Spinelli crede in un Essere Superiore, e se, dato che è persona molto intelligente e molto colta, abbia una morale alla quale rendere conto.

Cosa significa "Non per ultimo, per il modo in cui la religione di Mosè abita il nostro pianeta, facendo valere diritti che che spesso sono metastorici più che storici, connessi a testi sacri più che al divenire ordinario dei popoli e del tempo"?

Vuol dire forse che l'essere italiano ebreo sia una colpa? O solo l'essere ebreo lo è? Rispettare e credere nelle leggi dello stato, servire la società civile che concorro con gli altri 57 milioni di italiani a formare, avere dedicato molto del mio tempo, grazie agli insegnamenti dei miei genitori, ad attività di servizio per la collettività è nobile, ma se poi vado a pregare il mio Dio in sinagoga, allora è tutto da buttare?

Altro passo che non capisco è quando la signora Spinelli invita Israele a riflettere circa "le radici di un risentimento che coinvolge almeno un miliardo di uomini fedeli all'Islam".

Lo sa (certo che lo sa, perché mi dicono che la signora Spinelli sia una persona molto intelligente e molto colta, e credo sinceramente a quanto mi è stato detto) che in moltissimi Paesi nei quali vive quel miliardo di persone scorrono mari di petrolio? Lo sa che in quei Paesi non vige la democrazia?

Lo sa che i signori di quei Paesi nuotano nell'opulenza lasciando al popolo le briciole che servono a mangiare (a malapena)?

Lo sa che per loro è facile trasmettere ai loro sudditi che la colpa della miseria è da ricercare nell'esistenza di Israele, prima, e del colonialismo americano poi?

Immagini per un attimo che la lungimiranza di Arafat, anzichè far deragliare il negoziato di Camp David del 2000, lo avesse portato alla firma degli accordi ed alla costituzione dello Stato Palestinese sul 98% dei territori, con la sovranità della Spianata delle Moschee di Gerusalemme. Bene. Quale capro espiatorio avrebbero avuto i signori del petrolio per giustificare ai loro sudditi lo stato di immensa povertà nel quale si trovano? Il miliardo di persone avrebbe di colpo cambiato lo stato di povertà nel quale si trova oppure avrebbe dovuto cercare una risposta alla propria povertà non in Israele, ma in molte capitali di Paesi produttori di petrolio?

(...)

Infine: "Israele costituisce uno scandalo". La signora Spinelli sa come è nato lo Stato di Israele? Sa che nel 1948 vi erano due Stati, uno Israele, l'altro Palestinese e che dopo soli pochi giorni dalla costituzione tutto il mondo arabo ha dichiarato guerra ad Israele?

La signora Spinelli sa che se i Paesi produttori di petrolio avessero aiutato i fratelli palestinesi con fondi da destinare alla trasformazione del deserto in giardini oggi saremmo qui a parlare di ben altro, e che se l'Autorità Nazionale Palestinese avesse usato con criterio i fiumi di dollari ricevuti dall'Occidente, nei Territori Amministrati oggi ci sarebbero fiorenti industrie e pascoli verdi?

Grazie Paolo Foà

pafoa@libero.it

Indice di tutti gli articoli sulla questione Spinelli


Tutti gli interessati a pubblicare notizie di avvenimenti di carattere ebraico possono scrivere alla redazione. - Speciali di Morashà - Archivio


Le principali sezioni del sito Morashà

Cinema ebraico i film di argomento ebraico, di autore ebreo, di vita ebraica o che riguardano l'ebraismo da vicino.

Cucina kashèr le ricette ebraiche degli ebrei sefarditi, askenaziti e italiani, secondo le regole alimentari kasher della religione ebraica e dell'ebraismo come cultura.

Ebraismo abc l’ebraismo in pillole: spiegazioni e regole dell’ebraismo per principianti con norme dello shabbat ebraico, delle feste ebraiche, del mangiare kasher, della preghiera ebraica (tefillà).

Ebrei in italia la storia degli ebrei italiani e del loro ebraismo durante la lunga permanenza nelle diverse regioni italiane.

Israele la situazione socio-politica di Israele attraverso le riflessioni personali degli ebrei italiani residenti in quel paese.

Pagine oro il più completo e aggiornato elenco di indirizzi e di numeri telefonici di tutte le istituzioni ebraiche italiane, dei servizi di ristorazione kasher, dei prodotti kasher, degli ingredienti kasher, del turismo ebraico in Italia e dell'ebraismo italiano.

Sefer Tutti i più recenti libri ebraici pubblicati e gli inserti mensili su argomenti di ebraismo, di religione ebraica, di letteratura israeliana e di lingua ebraica.

Tesi di Laurea I testi completi dei lavori più interessanti presentati in ambito universitario pronti per la consultazione. Storia ebraica, sociologia, esegesi biblica.

Umorismo ebraico le barzellette ebraiche più divertenti sul modo di vivere e di pensare tipicamente ebraici.

Zehut tutto ciò che riguarda l’ebraismo: identità ebraica e pensiero ebraico attraverso i testi dei pensatori ebrei italiani su feste ebraiche, sulla preghiera ebraica, sui motivi del mangiare kasher e in generale sulla religione ebraica..