Klezmer Express

rassegna di musica new klezmer

21, 22 e 23 luglio 2000 Parco Ferroviario - Porto San Pancrazio - Verona

Là dove il jazz diviene ricerca e si fonde con la musica tradizionale ebraica nasce la New Jewish Music che elegge a proprio centro gravitazionale New York City, melting pot di culture, ove operano etichette come Tzadik e Knitting Factory.

La rassegna ospiterà alcune tra le più note formazioni che con passione ed intensità reinventano e reinterpretano sorprendentemente la classica musica tradizionale ebraica. Tre serate che oltre a coinvolgere e stupire lo spettatore lo tratterranno costantemente in fremente equilibrio sul bordo della propria sedia.

Venerdì 21 luglio ore 21.00

Frank London’s Klezmer Brass Allstars (New York City): Formazione di ottoni provenienti dalle più famose klezmer bands del mondo (Klezmatics, Hasidic New Wave, Naftule’s Dream, Paradox Trio, Les Miserables Jazz Band, David Krakauer Group…). Trascinante tributo alla leggendaria Shikere Kapelie (orchestra inebriata o, più volgarmente, fanfara di ubriachi) brass band del 19° secolo originaria di Odessa che ha inesorabilmente influenzato il corso della musica klezmer.

Frank London: tromba

Matt Darriau: clarinetto, sassofoni

Dave Harris: trombone

Eric Rosenthal: batteria

James Gray: tuba

Sabato 22 luglio ore 21.00

Trio Misheberakh (Berlino): Con un repertorio che spazia da eccitanti danze a brani vocali passando da sperimentali composizioni da camera, il trio per archi e fisarmonica di Simon Jakob Drees (già violino e voce degli Ahava Raba) propone un seducente affresco in cui le tradizioni askenazita e sefardita si fondono armoniosamente.

Simon Jakob Drees: violino, viola, voce

Gesine Conrad: violoncello, voce

Jens Bogedain: fisarmonica

Domenica 23 luglio ore 21.00

Naftule’s Dream (Boston): Uno degli ensembles più versatili e virtuosi che esplorano la new jewish music. Hanno al loro attivo due cd acclamati dalla critica internazionale e distribuiti dall’etichetta Tzadik di John Zorn nell’ambito della Radical Jewish Culture. Il nome della band si ispira al più grande e controverso clarinettista klezmer del secolo, Naftule Brandwein.

Glenn Dickson: clarinetto

Dave Harris: trombone

Pete Fitzpatrick: chitarra elettrica

Michael McLaughling: fisarmonica

Eric Rosenthal: batteria

John Manning: tuba

Il Parco Ferroviario di Porto San Pancrazio a Verona è il suggestivo spazio ove si terrà la rassegna, tra binari, carrozze ferroviarie d’epoca e locomotive a vapore. Il Vagone Ristorante provvederà alla cucina e al servizio bar. La struttura, appartenente al complesso austroungarico della stazione di Verona Porta Vescovo, dispone inoltre di un ampio prato attrezzato.

Info: 0338.9541799 (Thomas Simoncini) 045.597000 (Anna Maria Turcato)