Tesi di laurea di Emanuele Gianolio - Gli ebrei a Trani e in Puglia nel medioevo


Conclusione

È innegabile che l’allontanamento degli ebrei dal Regno di Napoli abbia determinato in quelle regioni del Mezzogiorno italiano una grave crisi economica; l’esercizio dell’usura da parte di questi, se aveva inasprito i loro rapporti con le popolazioni locali sempre fomentate da integralisti cristiani per mera intolleranza religiosa, d’altro canto aveva permesso, mettendo in circolazione grandi quantità di denaro, lo sviluppo dei commerci principalmente nelle città marinare e la possibilità per le popolazioni contadine, sempre carenti di contante, di far fronte ai loro obblighi fiscali attraverso il prestito su pegno.

È opportuno far rilevare ancora una volta come le attivissime comunità ebraiche non praticassero soltanto l’attività dell’usura, cosa che peraltro aveva contribuito a contenere la rapacità dei banchieri veneziani e fiorentini; esse infatti avevano sviluppato in gran misura i commerci, esercitando pure un gran numero di mestieri ed attività nei settori più disparati. E evidente che, venendo repentinamente a mancare con l’espulsione una massa cospicua di operatori qualificati nelle attività finanziarie, produttive e commerciali, si attivarono automaticamente dei meccanismi che portarono lentamente al degrado economico del Regno.

Un altro aspetto molto importante, spesso trascurato dagli studiosi, è la recessione che ebbe a determinarsi in campo culturale: durante il periodo aragonese vi fu una fioritura di professionisti e uomini di cultura ebrei i quali formarono una classe intermedia che potremmo definire eufemisticamente borghese, si moltiplicarono letterati, filosofi, maestri di scuola, astrologhi, poeti, notai, farmacisti e librai, ma anche questo ceto sociale con l’estromissione definitiva scomparve; di riflesso la struttura della società civile nel Regno di Napoli s’indebolì e si determinò quello che modernamente potremmo considerare un gap economico-culturale destinato ad influire sullo sviluppo futuro del Mezzogiorno.

Per quanto riguarda i motivi che portarono all’espulsione dal Regno, analizzata la situazione venutasi a creare con il dominio spagnolo, non si può credere ad una sola ed unica causa come quella già precedentemente esposta e riportata dal marchese De Salas. Probabilmente si crearono nel Regno una serie di condizioni e di concause che determinarono il vicerè don Pedro da Toledo a non appoggiare presso la corte di Madrid le richieste ebraiche di un rinvio, per cui si arrivò al provvedimento di definitiva espulsione nel 1541.

Queste molteplici cause che influenzarono negativamente il vicerè, a nostro parere, si possono identificare anzitutto nell’intolleranza religiosa di alcuni ambienti ecclesiastici, nella presa di posizione antiebraica dell’Inquisizione, che già operava in diversi paesi europei e nell’enorme situazione debitoria della nobiltà del Regno nei confronti degli ebrei. Naturalmente per ottenere lo scopo ultimo della cacciata si riuscì spesso a strumentalizzare il popolo fomentandone il rancore verso gli usurai ebrei, ed inoltre come causa ultima si utilizzò la disputa riguardante i crediti ad essi dovuti e la relativa sentenza della camera della Sommaria negativa nei loro confronti.

In questo modo si consumò nel Regno di Napoli il crespuscolo di un’etnia, quella ebraica, che pur non immune da colpe, tanto aveva contribuito al suo progresso; soltanto secoli più tardi al termine della funesta dominazione spagnola sotto l’illuminato governo di Carlo di Borbone vennero di nuovo aperte le porte del Regno di Napoli agli ebrei, con la rinnovata consapevolezza di poter far rifiorire le industrie ed i commerci attraverso l’operosità di questi ultimi.

BIBLIOGRAFIA

Fonti

Davide ANDREOTTI, Privilegi et capitoli della città di Cosenza, Marchese, Napoli 1869.

ANTONELLO DE THOMACELLO notaio, Protocolli, Archivio Notarile, Trani 1490.

Isaia ASCOLI GRAZIADIO, Iscrizioni inedite o malnote, greche, latine, ebraiche di antichi sepolcri giudaici nel napoletano, Loescher, Torino 1880.

Atti degli Apostoli, a cura di G. Alberione, edizioni Paoline, Roma 1966.

Atti notarili, notaio De Porticellis Giacomo, Archivio di Stato, sezione di Trani, Molfetta 1534 — 1535.

BENIAMINO DA TUDELA, Itinerarium ex hebraico latinum factum, ed. N.M. Adler, London 1907.

CASSIODORO,Variae, ed. T. Mommsen, in M.G.H., Scriptores Antiquissimi, XII, Berlin 1894.

Codex Justinianeus, Antonelli, Venezia 1836.

Antonio DE APREA, Syllabus membranarum ad regiae Siciliae pertinentium, Tipografia Regia, Napoli 1882.

Giuseppe DEL GIUDICE, Codice diplomatico del regno di Carlo I e II d’Angiò, stamperia della R. Università, 1863.

Nunzio Federico FARAGLIA, Codice diplomatico sulmonese, Carrabba, Lanciano 1898.

GIUSEPPE FLAVIO, Antichità giudaiche, a cura di L. Moraldi, U.T.E.T., Torino 1998.

Historia diplomatica Friderici secundi, privilegia, collegit et recensuit J.L.A. Huillard-Breholles, IV, 1, Plon, Paris 1852.

Il Libro Rosso della Università’ di Trani, a cura di G. Cioffari e M. Schiralli, Levante, Bari 1995.

LEO OSTIENSIS, Cronica Sancti Monasteri Casinensis, ed. C.A. Garufi, in R.I.S., VII, Città di Castello 1904.

Le pergamene di S. Nicola di Bari. Periodo normanno ( 1075 -1194), a cura di F. Nitti di Vito, in Codice Diplomatico Barese, V, Bari 1902.

Oreste MASTROIANNI, Sommario degli atti della cancelleria di Carlo VIII a Napoli, in "Archivio Storico Napoletano", Napoli 1495.

PLINIO IL VECCHIO, Historiae, a cura di Silvio Ferri, Palombi, Roma 1946.

Privilegi et capitoli etc. di Napoli etc., Archivio di Stato, Milano 1720.

PROCOPIO, Anecdota, a cura di F.M. Pontani, Nuova Accademia, Milano 1961.

Arcangelo PROLOGO, Le carte che si conservano nell’archivio del capitolo metropolitano della città di Trani, Vecchi & Soci, Barletta 1877.

Repertorio delle Pergamene di Barletta, a cura di R. Batti, D’Auria, Napoli 1904.

TACITO, Annales, a cura di A. Bornecque, Garnier Flammarion, Paris 1965.

VALERIO MASSIMO, Detti e fatti memorabili, a cura di Rino Faranda, U.T.E.T., Torino 1976.

Studi

Giovanni FIORE, Della Calabria illustrata, Parrino e Muti, Napoli 1691.

Henri BASNAGE, Histoire des juifs depuis Jesus Christ jusq’au presente, Scheur Leer, La Haye 1716.

Antonello CONIGER, Cronache, in Raccolte di varie croniche, diari ed altri opuscoli così italiani come latini appartenenti alla storia del Regno di Napoli, Berger, Napoli 1780.

Philippe MERLIN, Repertorio universale e ragionato di giurisprudenza, Marotta e Vanspandoch, Napoli 1822.

Francesco Paolo VOLPE, Esposizione di talune iscrizioni esistenti in Matera e delle vicende degli ebrei nel nostro reame, Chianese, Napoli 1844.

Notar GIACOMO, Cronaca di Napoli, Stamperia Reale, Napoli 1845.

Salvatore DE RENZI, Storia documentata della scuola medica di Salerno, Nobile, Napoli 1857.

Giulio PETRONI, Storia di Bari, Stamperia del Fibreno, Napoli 1858.

Camillo MINIERI RICCIO, Brevi notizie intorno all’archivio Angioino di Napoli, Stamperia della R. Università, Napoli 1862.

Giuseppe DE BLASIIS, La insurrezione pugliese e la conquista normanna nel secolo XI, II, Detken, Napoli 1864.

Jassuda BEDARRIDE, Les juifs en France, en Italie et en Espagne, Levy, Paris 1867.

Giovan Battista BELTRANI, Sugli antichi ordinamenti marittimi della città di Trani, Vecchi, Barletta 1873.

Camillo MINIERI RICCIO, Studi storici sopra 84 registri angioini, Stamperia della R. Università, Napoli 1876.

Giovan Battista BELTRANI, Il conte Alberigo da Barbiano, la regina Giovanna e gli ebrei di Trani, Tipografia delle Scienze, Roma 1877.

Camillo MINIERI RICCIO, Notizie storiche tratte da 62 registri Angioini nell’Archivio di Stato di Napoli, Stamperia della R. Università, Napoli 1877.

Marin SANUDO, Diarii, III, Visentin, Venezia 1879.

Antonio PERTILE, La storia del diritto italiano, U.T.E.T., Torino 1884.

Michele GARRUBA, Serie critica dei sacri pastori baresi, Cannone, Bari 1884.

Luigi AMABILE, Il santo officio della Inquisizione in Napoli, Lapi, Città di Castello 1892.

Sabino LOFFREDO, Storia della città di Barletta, Vecchi, Trani 1893.

Giovanni GUERRIERI, Gli ebrei a Brindisi ed a Lecce 1409-1497. Contributo alla storia dell’usura nell’Italia meridionale, Bocca, Torino 1900.

Camillo ZUCCARO, Gli ebrei a Nardò nel secolo XV, Neritana, Nardò 1901.

Pietro MANFRIN, Gli ebrei sotto la dominazione romana, Bocca, Torino 1902.

George YVER, Le commerce et les marchands dans l’Italie méridionale au XIII et au XIV siècle, Fontemoing, Paris 1903.

Nino TAMASSIA, Stranieri ed ebrei nell’Italia meridionale dall’età romana alla sveva, estratto degli "Atti del R. Ist. Ven. di scienze, lettere ed arti", Ferrari, Venezia 1904.

Francesco CARABELLESE, La Puglia nel secolo XV, Vecchi, Trani 1904.

Giovanni PANSA, Studi di leggende abruzzesi, Aternina, Teramo 1905.

Francesco SCANDONE, Storia di Avellino dalle origini alla fine della dominazione longobarda, Batelli, Napoli 1905.

Eustacchio ROGADEO, Manoscritti inediti, Vecchi, Trani 1910.

Vito VITALE, Trani dagli angioini agli spagnoli, Vecchi, Bari 1912.

Nicola FERORELLI, Gli ebrei nell’Italia meridionale, a cura de "Il vessillo israelitico", Torino 1915.

Umberto CASSUTO, Un ignoto capitolo di storia ebraica, Seeber, Firenze 1916.

Oreste DITO, La storia calabrese e la dimora degli ebrei in Calabria dal secolo V alla metà del secolo XVI, Coppelli, S. Casciano 1916.

Vito VITALE, Un particolare ignorato di storia pugliese: neofiti e mercanti, I.T.E.A., Napoli 1926.

Ettore VERNOLE, Gli ebrei nel Salento, in "Rinascenza Salentina", 1933.

Nicola VACCA, Un tumulto antisemita nel 1411, in "Rinascenza Salentina", 1936.

Giuseppina SUMMO, Gli ebrei in Puglia dall’XI al XVI secolo, Cressati, Bari 1939.

La presenza ebraica in Puglia, V, De Pascale, Bari 1982.

Cesare COLAFEMMINA, Archeologia ed epigrafia ebraica nell’Italia meridionale, in Italia Judaica, Atti del I convegno internazionale (Bari, 18-22 maggio 1981), Roma 1983, pp. 199-210.

Roberto BONFIL, Tra due mondi: prospettive di ricerca sulla storia culturale degli Ebrei nell’Italia meridionale nell’alto Medioevo, in Italia Judaica, Atti del I convegno internazionale (Bari, 18-22 maggio 1981), Roma 1983, pp. 135-158.

Benedetto RONCHI, Indagine sullo sviluppo urbanistico della città di Trani dall’XI al XIII secolo, Schena, Fasano 1984.

Cesare COLAFEMMINA, Documenti per la storia degli ebrei a Trani nei secoli XV-XVI, in "Sefer Yuhasin", II, III (1985 — 1987).

Felice SPACCUCCI, Giuseppe CURCI, Storia dell’ostia miracolosa di Trani, Laurenziana, Napoli 1989.

Cesare COLAFEMMINA, Documenti per la storia degli ebrei in Puglia nell’Archivio di Stato di Napoli, Regione Puglia, Bari 1990.

Cesare COLAFEMMINA, La cultura delle giudecche e delle sinagoghe, in Centri di produzione della cultura nel Mezzogiorno normanno-svevo, Atti delle sedicesime giornate normanno-sveve (Bari 17-20 ottobre 1995), a cura di Giosuè Musca, Dedalo, Bari 1997.

Vai all'indice di questa tesi
Vai all'indice di tutte le tesi

© Morashà 2001 - Emanuele Gianolio 2001.

Attenzione: tutti i materiali pubblicati sono strettamente coperti dalla legge sul diritto d'autore e ne è severamente proibita la copia e la riproduzione, totale o parziale senza permesso scritto dell'autore.