Alberto Somekh

Rabbino Capo della Comunità ebraica di Torino

Alberto Moshe Somekh

Perché posticipare Yom Ha-'atzmaut?

Un paio di mesi fa sono venuto a sapere quasi per caso che la celebrazione di Yom ha-'Atzmaut quest'anno sarebbe spostata di un giorno. Non mi ricordo se la E-mail, scritta in italiano, proveniva dalla Comunità  di Roma o dall'U.C.E.I., ma non certo da Israele. Il messaggio non adduceva motivazioni per questa decisione, e non menzionava neppure chi l'aveva presa. Ricordo di aver chiesto immediatamente lumi ad un mio stretto collaboratore israeliano, ma mi disse che non ne sapeva nulla. Solo qualche giorno fa questa stessa persona mi ha riferito che la decisione viene dalla Rabbanut ha-Rashìt e si spiega con l'esigenza di evitare che le celebrazioni della vigilia, Yom ha-Zikkaròn in memoria dei Caduti, potessero in qualche modo interferire con l'osservanza di Shabbat.

La cosa mi ha lasciato sorpreso e perplesso. Non è certo la prima volta da quando esiste la Medinat Israel che il 5 Iyàr cade di lunedì. Da quando sono ben da'at, ricordo che Yom ha-'Atzmaut viene spostato solo quando questa data cade di Venerdì o di Shabbat, anticipandolo al Giovedì: e su questo tutti sono sempre stati d'accordo. Ho la vaga sensazione che la decisione sia stata presa di recente per compiacere i charedim che avranno accusato i datiim leumiim di provocare chillul Shabbat con le loro ricorrenze "sioniste"!

Comprendo che essendo in Israel la domenica giornata lavorativa si voglia evitare di fissare le cerimonie a Motzaè Shabbat con tutti i rischi connessi. La mia forte esitazione ad accettare il provvedimento non nasce solo dalla strettezza dei tempi con cui è stato reso noto, avendo redatto il Lunario in modo diverso ormai quasi un anno fa. Non nasce solo dalla forma incerta e poco autorevole con cui è stato diffuso. Nasce anzitutto dalla considerazione che a noi galutiim (Ebrei diasporici, eppure sionisti) avrebbe fatto ben comodo disporre della domenica per attirare più gente alla Tefillah di Yom ha-'Atzmaut e ai festeggiamenti che seguono: e non è argomento da poco.

Ma la considerazione più amara, con cui concludo, è la seguente. Siamo sicuri che il messaggio di cui sopra, così come è stato spedito, abbia veramente raggiunto tutte le Comunità del mondo? Che tutti concordino con la sua impostazione? Il rischio è di ottenere un effetto boomerang. Che la celebrazione di Yom ha-'Atzmaut, scadendo nel relativismo e nell'incertezza della data, perda il significato che le si è voluto dare negli anni come ricorrenza che unisce tutti i sionisti del mondo, israeliani e diasporici, religiosi e laici, di destra e di sinistra. Che proprio la massima espressione istituzionale della datiut nazionale, nel momento in cui esprime il desiderio di ricompattare le proprie forze intorno ad uno dei (pochi) simboli ad Essa legati, si dimostri cedevole davanti alla forza altrui!

Gheullah Shelemah be-qaròv.

Pubblicato sulla newsletter Kolot-Voci il 26/4/2004

Una ricorrenza più divisa?

Nel ringraziare coloro che, dall’Italia e da Israel, hanno contribuito a meglio chiarire il dibattito su Yom ha-‘Atzmaut, mi sia concesso lo spazio per una replica. Non certo per spirito di polemica. Lungi dal trattarsi di una questione halakhica in senso stretto, essa è legata a fattori ideali che senza dubbio stanno a cuore a molti.

  • Secondo le regole del calendario il 5 Iyar può cadere solo di Lunedì, Mercoledì, Venerdì e Shabbat. Posto che in queste due ultime evenienze Yom ha-‘Atzmaut viene anticipato al Giovedì per ovvie ragioni, con l’introduzione delle nuove disposizioni della Kenesset la celebrazione dell’Anniversario dell’Indipendenza nella sua data originaria viene ridotta ad appena una possibilità su quattro. Delle tre rimanenti, due volte si anticipa e una si posticipa: una vera “galùt” (confusione)!

  • A mio modesto avviso, per risolvere il problema del chillul Shabbat sarebbe bastato spostare la cerimonia al Kòtel dalle ore 20 della sera di Yom ha-Zikkaròn (quest’anno Motzaè Shabbat) al tardo pomeriggio del giorno dopo (domenica), prima del tramonto, contando sull’ora legale in modo da non perdere gran parte della giornata lavorativa. Questo avrebbe conciliato tutte le opinioni, mantenendo la certezza della data e con essa l’unitarietà della celebrazione in tutto il popolo ebraico, senza modificare le vigenti leggi.

  • Sulla questione se le autorità israeliane debbano tener conto in questi casi degli Ebrei della Diaspora, la risposta è senza dubbio affermativa: per lo meno in misura non inferiore al peso di cui godono gli israeliani non-sionisti. Non solo per il fatto che Israel dipende tuttora in misura considerevole dagli aiuti materiali delle Comunità Ebraiche all’estero (ho premesso che avrei fatto un discorso puramente ideale!) ma soprattutto per il principio della ‘arevut (responsabilità reciproca) e il concetto del kelàl Israel.

  • Proprio per il principio del kelàl Israel, anche sull’opportunità di mantenere un Rabbinato e una datiut “di Stato” non sono affatto contrario. Sebbene ferva oggi un dibattito del genere in Israel (più esattamente in relazione al Ministero dei Culti), non c’è dubbio che se non ci fosse un’autorità preposta ad esigere da tutti un minimo di adesione alla Torah, forse i datiim navigherebbero con maggior libertà, ma gran parte della società si troverebbe oggi completamente svincolata da qualsiasi principio ebraico e lo Stato perderebbe la sua identità.

  • Ad ognuno dei sette giorni di Pessach corrisponde una diversa festività dell'anno in corso che cade in quel giorno. Per ricordarne le iniziali basta adoperare il sistema At-Bash (alla Alef corrisponde la Tav; alla Shin la Bet, ecc.). Se quest'anno Pesach è caduto di martedì, le feste cadranno come segue:
    1° giorno (Alef): (Tav) Tish'ah Be-Av (martedì)
    2° giorno (Bet): (Shin) Shavu'ot (mercoledì)
    3° giorno (Ghimel): (Resh) Rosh haShanah (giovedì)
    4° giorno (Dalet): (Qof) Qeriat haTorah-Simchat Torah (venerdì)
    5° giorno (He): (Tzaddi) Tzom Kippur (Shabbat)
    6° giorno (Vav) (Peh) Purim (caduto di domenica)
    Fino a 56 anni fa mancava una festa corrispondente al settimo giorno di Pessach (zayin), il cui nome cominciasse per 'ayin. Non sarà forse proprio (Yom ha)-'Atzmaut, che doveva cadere di lunedì?

  • La Mishnah in Meghillah 5a si sofferma su quei casi nei quali una certa ricorrenza si sposta dalla sua data naturale nel calendario. Generalmente, quando si pone questo problema, la soluzione adottata è quella di anticipare. Dopo la distruzione del Tempio, dei pochi casi in cui si posticipava ne è rimasto operante uno solo, quello dei Digiuni estivi che si rimandano alla  domenica qualora la data cada di Shabbat. La ragione è spiegata nella Ghemarà: aqdumey pur’anuta la meqadminan, “non si affretta mai il ricordo di una punizione”. L’augurio è che Yom ha-‘Atzmaut  non venga mai considerato alla stessa stregua di Tish’ah be-Av!

  • Quanto all’altro passo in Rosh haShanah 25b a proposito dell’episodio in cui R. Yehoshua’ fu costretto ad accettare l’opinione di Rabban Gamliel a proposito della data di Yom Kippur, perché così aveva deliberato il Sanhedrin, vorrei rammentare brevemente le parole conclusive di quella Sughyà: Mittokh shehaghedolim nishma’im laqetannim, noseim qetannim qal wachòmer be’atzmàn, “dal momento che i Grandi (in Eretz Israel) prestano ascolto ai Piccoli (nella Diaspora), i Piccoli arrivano ad argomentare a fortiori per conto loro (e a capire che tanto più essi devono prestare ascolto ai Grandi). L’errore più grave, in questo frangente, è stato nel fatto che i Rabbinati non si siano consultati fra loro prima di avallare la decisione. Sono pronto a fare ammenda per la mia piccola parte!

Pubblicato sulla newsletter Kolot-Voci il 29/4/2004


Per gentile concessione dell'autore. Tutti gli articoli sono © degli autori è ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Le principali sezioni del sito Morashà

Cinema ebraico i film di argomento ebraico, di autore ebreo, di vita ebraica o che riguardano l'ebraismo da vicino.

Cucina kashèr le ricette ebraiche degli ebrei sefarditi, askenaziti e italiani, secondo le regole alimentari kasher della religione ebraica e dell'ebraismo come cultura.

Ebraismo abc l’ebraismo in pillole: spiegazioni e regole dell’ebraismo per principianti con norme dello shabbat ebraico, delle feste ebraiche, del mangiare kasher, della preghiera ebraica (tefillà).

Ebrei in italia la storia degli ebrei italiani e del loro ebraismo durante la lunga permanenza nelle diverse regioni italiane.

Israele la situazione socio-politica di Israele attraverso le riflessioni personali degli ebrei italiani residenti in quel paese.

Pagine oro il più completo e aggiornato elenco di indirizzi e di numeri telefonici di tutte le istituzioni ebraiche italiane, dei servizi di ristorazione kasher, dei prodotti kasher, degli ingredienti kasher, del turismo ebraico in Italia e dell'ebraismo italiano.

Sefer Tutti i più recenti libri ebraici pubblicati e gli inserti mensili su argomenti di ebraismo, di religione ebraica, di letteratura israeliana e di lingua ebraica.

Tesi di Laurea I testi completi dei lavori più interessanti presentati in ambito universitario pronti per la consultazione. Storia ebraica, sociologia, esegesi biblica.

Umorismo ebraico le barzellette ebraiche più divertenti sul modo di vivere e di pensare tipicamente ebraici.

Zehut tutto ciò che riguarda l’ebraismo: identità ebraica e pensiero ebraico attraverso i testi dei pensatori ebrei italiani su feste ebraiche, sulla preghiera ebraica, sui motivi del mangiare kasher e in generale sulla religione ebraica..